Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



RUSSIA, STOP VENDITA ARMI A LIBIA
Lucia Sgueglia, Lettera 22, marzo 2011,

Le immagini dalla Libia parlano chiaro: molto fuoco sparato intorno a Tripoli, è Made in Russia, anzi Urss. In guerra fredda i due paesi erano alleati, tuttora il 90% del vetusto arsenale libico è sovietico, e di recente Putin ha firmato col Colonnello contratti per la vendita di armi per 4 mld di dollari, ora andati in fumo con l'embargo Onu. Ecco perché Joe Biden a Mosca oggi (il 10 marzo, ndr) difficilmente convincerà il Cremlino a dire sì alla No Fly Zone sulla Libia: la Russia resta contraria alla "opzione militare". (Durante l'incontro con Biden, il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, si è dimostrato possibilista ma estremamente cauto sull'ipotesi di No Fly Zone, ndr).

Un vecchio libico con uno Strelka in spalla, missili antiaerei in mano agli insorti di Bengasi che preoccupano l'Onu, e soprattutto quei razzi RPG lanciati dal Colonnello sulla folla. Le immagini dalla Libia parlano chiaro: molto fuoco sparato intorno a Tripoli, è Made in Russia, anzi Urss. In guerra fredda i due paesi erano alleati, tuttora il 90% del vetusto arsenale libico è sovietico.

Ecco perché Joe Biden a Mosca oggi (il 10 marzo, ndr) difficilmente convincerà il Cremlino a dire sì alla No Fly Zone sulla Libia: la Russia resta contraria alla "opzione militare". (Durante l'incontro con Biden, il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, si è dimostrato possibilista ma estremamente cauto sull'ipotesi di No Fly Zone, ndr). Ma il numero due alla Casa Bianca spera di strapparle il via libera o almeno un'astensione. Più che le violenze in Nord Africa, Mosca piange quei 4 miliardi di dollari in forniture di armi a Gheddafi andati in fumo. L'ultimo contratto tra il Colonnello e la statale Rosoboronexport (1,8 miliardi dollari) è stato firmato a fine gennaio, dopo che Putin nel 2008 condonò il debito libico con l'Urss. Nella lista della spesa stilata da Gheddafi, una ventina di caccia, 12-15 Sukhoi 35, sei Yak-130, tank T90.

E due batterie di S-300, i missili di difesa aerea più avanzati al mondo. Ambiti da Teheran, Washington e Tel Aviv. Inoltre Mosca avrebbe fornito pezzi di ricambio a Tripoli, come quelle parti di aerei che stavano arrivando sulle coste libiche il giorno in cui l'Onu ha deciso l'embargo: la nave ha fatto marcia indietro.
Il contratto di gennaio non è entrato in vigore, assicura Mosca che supporta l'embargo Onu, si è unita alla condanna per i raid sugli insorti, e precisa di aderire strettamente alle regole sulla vendita di strumenti letali nel mondo. Del resto non è certo l'unico paese ad aver venduto armi al libico. Ma dalle rivolte in Nord Africa potrebbe perdere tanto: tutti i paesi del Maghreb sono suoi clienti nell'export d'armi, Algeria in testa, e i cambi di regime farebbero sfumare in totale 10 miliardi di dollari di contratti.

Di certo, se in Occidente molti guardano con cautela alla "primavera araba", ai vertici russi lo scetticismo è totale. I media ufficiali sposano la linea del "complotto americano". Per il presidente Medvedev le rivolte tra Cairo, Tunisi e Tripoli "Non potrebbero mai accadere in Russia", ma rischiano di "portare al potere fanatici islamisti" con un "effetto diretto" sulla situazione nella Federazione: il riferimento non è a un possibile risveglio democratico dei russi per le elezioni 2012 - molto improbabile - ma ai guerriglieri ceceni. Quanto all'ipotesi di una soluzione militare alla crisi libica, risponde Dmitri Rogozin, rappresentante russo alla Nato: «L'Occidente prova a guardare da un punto di vista democratico a queste forze di opposizione che dicono di attaccare i tiranni. Sta di nuovo paracadutando la propria democrazia nell'accezione occidentale», ma, dice, si rischia di alimentare fondamentalismo, flussi migratori e «caos».

 

Data:





israele   economia   iran   bush   ahmadinejad   putin   occidente   italia   politiche sociali   geopolitica   onu   ambiente   nucleare   clinton   india   labour   critica sociale   medio oriente   afghanistan   ue   energia   rubriche   diritti umani   medvedev   sicurezza   cultura politica   europa   nato   crisi   gran bretagna   cina   democrazia   blair   hamas   siria   usa   america   obama   sarkozy   berlusconi   brown   mccain   iraq   terrorismo   russia   francia   storia   stati uniti