Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



di Rino Formica, Critica Sociale n.2/3

Centinaia di metri quadrati di prime pagine dei quotidiani sono state occupate da articoli, comunicati e servizi fotografici sull'eruzione del vulcano Pdl. Descrivere e fotografare la cenere e i lapilli è nelle possibilità di tutti. Capire le ragioni profonde che hanno scatenato l'evento, richiede sapienza nel giudicare ed esperienza di analisti.
Cosa è successo ieri nel Pdl e cosa succederà domani nel Pd, dato che i due partiti sono simmetrici perchè figli gemelli della stessa partoriente (l'Italia in crisi degli anni Novanta)?
La risposta è semplice: perché il sistema dei partiti post ideologici è entrato in conflitto con il sistema istituzionale vigente. Nella direzione del Pdl si è disvelata la realtà impietosa: o il sistema dei partiti destrutturati, carismatici e personali comprime nel suo schema le istituzioni rappresentative o esso stesso diventa sorgente infettiva dell'equilibrio nazionale. Nessun giornale ha dato rilievo a due passaggi degli interventi di Alfano, ministro della Giustizia, e di Formigoni, potente governatore della regione chiave dello stato padano.
Alfano ha detto: i vecchi partiti, che vollero i costituenti (costruttori dello stato e garanti della democrazia), sono stati eliminati dalla Costituzione materiale, che con la indicazione sulla scheda elettorale del nome del capo del governo, ha stabilito che la mediazione tra popolo e istituzioni appartiene al capo carismatico eletto. Formigoni ha calato nella realtà dei prossimi giorni questa verità e ha detto: il 25 aprile Napolitano verrà a Milano a celebrare il 65° della resistenza, ci sarà anche Berlusconi, ed è a questi che spetta pronunciare un discorso per riaffermare il titolo istituzionale che possiede: è la più alta autorità dello stato direttamente eletta dal popolo.
A questo punto è inutile fingere di non capire.
Oggi non si tratta di baloccarsi con le parole indigeste di Fini o con le reazioni disgustate di Berlusconi; si tratta di capire se in Italia vi è una maggioranza che accetta la democrazia plebiscitaria al posto della democrazia parlamentare. Questa maggioranza non possiamo ricavarla dai sondaggi, ma solo da un diretto ed esplicito referendum popolare. Ma questa è una riflessione retorica e inutile, perché in Italia è da vent'anni che si è spezzato lo Stato e nessuno ha voglia di ricomporlo.
 

Data:





iraq   sarkozy   labour   ambiente   diritti umani   blair   energia   afghanistan   ue   europa   america   brown   obama   stati uniti   cultura politica   putin   hamas   economia   bush   italia   rubriche   mccain   storia   cina   medvedev   nucleare   politiche sociali   geopolitica   israele   nato   occidente   sicurezza   critica sociale   medio oriente   india   clinton   francia   crisi   iran   ahmadinejad   gran bretagna   russia   onu   usa   democrazia   siria   terrorismo   berlusconi