Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Arturo Varvelli, Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi), 18 gennaio 2010,

Stati Uniti e Gran Bretagna hanno recentemente annunciato un nuovo impegno in Somalia per combattere il terrorismo. Che possibilità reali vi sono?

La Somalia è un paese completamente distrutto, in realtà vi è una totale assenza dello Stato. Non vi è alcuna prospettiva perché mancano le caratteristiche fondamentali su cui è basato il vivere civile. la vita in Somalia oggi è simile alla vita della giungla nella quale regna l'impunità totale e quindi la criminalità. L'Italia aveva promesso lo scorso anno di riaprire una rappresentanza, ma l'ipotesi non si può oggi neppure prendere in considerazione proprio per la mancanza di queste condizioni basilari. È difficile quindi che vi sia a breve un vero impegno di qualsiasi tipo.

Il terrorismo sta quindi trovando terreno fertile proprio per l'anarchia presente nel paese?

Non possiamo avere dati certi perché nessuno è in grado di raccoglierne, ma mi pare di poter dire dalla mia esperienza nel paese che uno dei lavori più frequenti sia quello del "miliziano". In condizioni di povertà estreme quali quelle attuali è una delle poche forme di lavoro che consente il sostentamento non solo personale ma anche familiare e del clan. Ma sempre con maggior frequenza i miliziani vengono chiamati e reclutati da quella che è stata definita "l'internazionale del terrore". La Somalia è stato un paese piuttosto secolarizzato e più legato alla realtà tribale del clan che all'illusione ideologica o alla lealtà religiosa, tuttavia ora l'ideologia islamica comincia a diventare forte e a trasformarsi in proselitismo consapevole.

Che legami vi sono tra la Somalia e lo Yemen?

Vi sono legami forti tra i due paesi. La Somalia è un porto franco di traffici illeciti. Non c'è stato, non ci sono controlli, non c'è dogana. Tutta l'economia somala dipende dalla penisola arabica. Il processo di islamizzazione della società somala aiuta questo legame a rafforzarsi. In Somalia sono avvenuti i primi attentati suicidi, cosa che non era mai avvenuta. Dalla Somalia si riversano in Yemen migliaia di profughi che sono potenzialmente vulnerabili alle sirene del radicalismo islamico e che vanno a irrobustire le fila dei terroristi. Molti pirati che agiscono a largo delle coste del Corno d'Africa dicono di essere yemeniti. Insomma l'interscambio è completo: culturale, umano e di interessi economici.



Massimo Alberizzi è inviato de Il Corriere della Sera

 

Data:





ambiente   sicurezza   terrorismo   afghanistan   gran bretagna   berlusconi   cina   europa   america   iran   mccain   sarkozy   francia   russia   iraq   cultura politica   politiche sociali   diritti umani   blair   ue   labour   nucleare   medvedev   bush   ahmadinejad   clinton   usa   democrazia   critica sociale   india   nato   economia   energia   storia   medio oriente   israele   rubriche   occidente   hamas   crisi   italia   obama   stati uniti   putin   geopolitica   siria   brown   onu