Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



David Horowitz, The Jerusalem Post, 4 giugno 2009,

Ha ricordato astutamente il suo lontano background musulmano, ha descritto la cultura islamica come una potenziale forze di pace e tolleranza, ma anche saputo dire scomode veritÓ al mondo dell'Islam che lo ascoltava al Cairo. Ed Ŕ stato applaudito. Ha auspicato un nuovo inizio nelle relazioni tra Occidente ed Islam, appellandosi ai valori condivisi da tutte le Fedi contro l'estremismo e il fanatismo. Ed Ŕ stato applaudito. Peccato che il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, abbia perso l'occasione per sottolineare, davanti ad una platea tanto vasta ed apparentemente ben predisposta ad ascoltarlo, la pi¨ essenziale delle veritÓ riguardante lo Stato di Israele e i suoi diritti storici. David Horowitz, analista del quotidiano israeliano Jerusalem Post, spiega quale.

Ad ogni modo, per tornare al discorso accademico del Cairo, Ŕ da apprezzare la pacata determinazione con cui Obama ha chiesto al mondo arabo di riconoscere la legittima esistenza di Israele, invitando i governi della regione a smettere di strumentalizzare il conflitto israelo-palestinese per distrarre i propri concittadini dai problemi della povertÓ e dell'ingiustizia sociale che colpiscono le societÓ arabe. Meno incoraggiante il breve capitolo che il presidente Usa ha dedicato all'Iran. Egli ha ribadito la necessitÓ di impedire agli ayatollah di entrare in possesso della bomba atomica, ma Ŕ parso ambiguo quando ha sostenuto il diritto dell'Iran di sviluppare il proprio programma nucleare a fini pacifici. Senza ulteriori puntualizzazioni, una simile uscita ha il grave difetto di non rassicurare nÚ i Paesi arabi nÚ Israele sulla reale volontÓ dell'America di impedire che Teheran diventi una seria minaccia per la stabilitÓ del Grande Medio Oriente.

 

Data:





israele   rubriche   nato   america   cultura politica   onu   italia   sicurezza   terrorismo   stati uniti   india   clinton   afghanistan   nucleare   bush   occidente   siria   storia   obama   berlusconi   brown   ambiente   labour   mccain   critica sociale   diritti umani   europa   russia   ahmadinejad   sarkozy   crisi   francia   iran   hamas   putin   iraq   gran bretagna   democrazia   blair   geopolitica   medvedev   medio oriente   ue   economia   usa   energia   cina   politiche sociali