Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



GAZPROM STEPS IN
 
TESTING INDIA
Iran Daily
Amir Ali Abolfath


L'atteggiamento dell'India nei confronti dell'Iran č ambiguo. Da un lato, New Delhi sembra interessata a partecipare al progetto di pipeline che coinvolgerebbe anche il Pakistan. Dall'altro, le autoritŕ indiane cercano pretesti per ritardare la conclusione dell'accordo. Un simile atteggiamento puň essere spiegato in due modi: o l'India vuole ingraziarsi lo Zio Sam americano, dimostrando di essere pronta a rinunciare ad un sostanzioso affare pur di allinearsi con Washington contro l'Iran, oppure i tentennamenti di New Delhi mirano solo a strappare concessioni economiche piů vantaggiose al governo di Teheran.
 

Data:





sicurezza   economia   gran bretagna   sarkozy   ahmadinejad   cina   putin   medvedev   hamas   bush   stati uniti   europa   obama   terrorismo   ue   siria   india   cultura politica   democrazia   afghanistan   francia   clinton   crisi   rubriche   storia   brown   geopolitica   usa   america   ambiente   nato   blair   diritti umani   occidente   nucleare   berlusconi   israele   medio oriente   italia   energia   critica sociale   russia   labour   mccain   iraq   politiche sociali   onu   iran