Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



A War The West Must Stop
The Washington Post
Ronald D. Asmus

Tra Russia e Georgia è nell'aria una Guerra che potrebbe destabilizzare una regione sensibile, per le forniture di gas all'Occidente, e che potrebbe condizionare le relazioni con la Russia. Una Guerra tra Russia e Georgia potrebbe divenire un tema della campagna presidenziale americana, un test della capacità dei due candidati - Barack Obama e John McCain - di assolvere al ruolo di “comandante in capo”. Il nodo della questione, ufficialmente, è il futuro dell'Abkazia, la provincia situata lungo il confine tra Georgia e Russia, che con il sostegno di Mosca si batte per l'indipendenza da Tbilisi. Il vero problema, tuttavia, è il tentativo di soffocare le pulsioni della Georgia per l'Occidente.
 
Stand up to Russia over Georgia
Financial Times

La certezza della gravità della crisi in corso nella regione del Caucaso, tra Georgia e Russia, è giunta con la notizia che sono in corso “esercitazioni militari” da parte delle truppe delle Nazioni Unite. Nonostante fonti ufficiali dell'Onu smentiscano un legame tra l'operazione di esercitazione e la crisi nelle regioni dell'Abkazia e dell'Ossezia, la presenza delle forze Onu arriva appena una settimana dopo la conferma, da parte delle autorità moscovite, dell'invio di forze aeree russe sul sud dell'Ossezia, ufficialmente per prevenire un'offensiva da parte del Presidente georgiano, Mikheil Saakashvili. La manovra rappresenta una palese violazione dell'integrità territoriale georgiana, oltretutto realizzata in coincidenza con la visita a Tbilisi del Segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice. Il messaggio di Mosca all'Occidente non potrebbe essere più chiaro: “State lontano dai nostri affari.”
 
 
Blows Below the Belt
The Moscow Times
Andrei Soldatov

L'ultimo round della scazzottata tra i servizi segreti russo e britannico ha avuto inizio il 4 luglio, con un articolo apparso sulla stampa britannica che citando fonti dell'unita contro-spionaggio dell'MI5 scriveva che, con il numero di spie inviate da Mosca a Londra, la Russia era divenuta il pericolo pubblico N.3 per la sicurezza nazionale britannica, dopo l'Iran e Al Qaeda. Nello stesso tempo, il Daily Mail accusava il parlamentare Andrew MacKinley di avere incontri troppo frequenti con Alexander Polyakov, un consulente dell'Ambasciata russa che i servizi segreti britannici sospettano essere una spia dell'intelligence russa. Ma questo, non è che l'inizio…
 
Putin Gets a Role in Foreign Policy
The Moscow Times

Il Presidente Dmitry Medvedev ha illustrato martedì una nuova strategia di politica estera che affida al Primo Ministro, Vladimir Putin, dei nuovi poteri. Si tratta di una conferma della continuità della linea politica del Cremlino rispetto a quella adottata dal predecessore di Medvedev.  Il piano – che è stato illustrato dal Presidente in occasione di un discorso ufficiale innanzi agli ambasciatori – affida al Primo Ministro il compito di implementare la politica estera. Una prerogativa, questa, sino ad ora riservata esclusivamente al Presidente.
 
 
Stalin and TsarNicholas II neck and neck for title of greatest Russian
The Times

Ne ha mandati a morte a milioni, nei gulag.
Ciononostante, i russi lo hanno proclamato, a grande maggioranza, “volto della nazione”. Stiamo parlando di Josef Stalin che, in una recente consultazione popolare, è stato scelto a rappresentare l'immagine della “nuova” Russia.
 

Data:





europa   berlusconi   democrazia   israele   gran bretagna   storia   economia   politiche sociali   nucleare   medio oriente   siria   afghanistan   italia   india   iraq   crisi   critica sociale   mccain   ambiente   stati uniti   iran   russia   usa   putin   onu   energia   hamas   bush   cina   diritti umani   labour   terrorismo   obama   blair   geopolitica   medvedev   clinton   ahmadinejad   rubriche   nato   brown   cultura politica   ue   occidente   francia   sicurezza   sarkozy   america