Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



The Weekly Standard
Barnes: Obama's Tack to the Center


Barack Obama è davvero un politico accorto ed intelligente, che sta tentando di minimizzare il più possibile le sue debolezze. Come? Dopo aver sconfitto Hillary Clinton valendosi di un appello progressista, si sta spostando al centro. Vi sono vari buoni motivi per farlo. Egli  vuole convincere i moderati, gli indipendenti e gli indecisi a sceglierlo. In secondo luogo, Obama preferisce essere tacciato da McCain come un flip-flopper (una banderuola) che come un liberal, terrorizzato che una simile etichetta lo condanni alla sconfitta. Inoltre, il candidato Democratico sta utilizzando una tattica scaltra per adeguare, più o meno genuinamente, le sue posizioni a ciò che pensa la “maggioranza silenziosa.”  Illuminante il suo atteggiamento sull'Iraq. Preso atto dei miglioramenti della situazione sul campo, Obama, che ha promesso una visita a Baghdad, ha dichiarato che si consulterà con i generali prima di ordinare il tanto promesso ritiro delle truppe americane. L'esigenza di mantenere “la stabilità” in Iraq sarà tenuta in considerazione dal presidente Obama. Un'affermazione alquanto vaga, come le ultime uscite “centriste” del senatore dell'Illinois sulle questioni più disparate, quali associazionismo religioso, possesso di armi da fuoco, aborto e via di seguito. Restare sul vago e, al limite, smentire. Continua così la corte di Obama ai settori conservatori della società ed agli Stati di tradizionale fede Repubblicana.

 
What Americans Want in Immigration
 

Why GOP is losing the working class
Rod Dreher

La working class statunitense è tendenzialmente conservatrice e, nei momenti di crisi come quello che sta vivendo l'America, si aggrappa solitamente ai valori religiosi ed alla tradizione. Motivo per cui essa trova nel Partito Repubblicano un interlocutore naturale. Troppo distante la retorica liberal dai problemi di ogni giorno di chi vede eroso il proprio tenore di vita ed è costretto a vivere in condizioni disagiate, lontano dalle accademie e dai suburbs dove gli intellettuali di sinistra pontificano. Eppure, questa fascia di elettorato, strutturalmente vicina al Gop, si sta accostando al Partito Democratico, poiché la retorica della destra a favore di uno Stato minimo spaventa quei cittadini che temono per le proprie prospettive e per il proprio sostentamento. I tagli delle tasse se entusiasmano l'intellighenzia conservatrice, rallegrano il mondo degli affari ed il Big Business, non forniscono risposte alla spaesata working-class di oggi, culturalmente conservatrice ma economicamente statalista. Infatti, sebbene l'individualismo rimanga un cardine che informa lo spirito degli americani, si ravvisa oggi una maggiore richiesta di Stato per far fronte alle incertezze della congiuntura economica. Mike Huckabee, con il suo inaspettato successo, sembra averlo capito meglio di altri nel suo Partito. Ma non sarà lui a sfidare Obama…

 

Data:





rubriche   economia   politiche sociali   ue   ambiente   terrorismo   putin   israele   geopolitica   usa   cultura politica   nucleare   storia   hamas   cina   diritti umani   nato   energia   blair   iran   india   labour   iraq   gran bretagna   berlusconi   ahmadinejad   medio oriente   mccain   sarkozy   sicurezza   democrazia   siria   russia   italia   stati uniti   america   medvedev   onu   europa   occidente   afghanistan   clinton   brown   obama   crisi   bush   critica sociale   francia