Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



The Guardian
Turkey's slow-motion coup
Bulent Kenes


La Turchia è in questo momento il teatro di una guerra che deciderà se rimarrà la pseudo-democrazia che è oggi, o se diventerà una democrazia pienamente compiuta.
Le sorti di questa Guerra sono in mano alla Corte che dovrà decidere la legittimità costituzionale del partito di governo l'AK (Partito della Giustizia e dello Sviluppo) – che gode di un'ampia maggioranza della popolazione – che ha permesso l'introduzione del velo nelle Università, in presunta violazione della laicità sancita dalla Costituzione nazionale. L'AK rappresenta la borghesia progressista, liberale, democratica del paese. Contro di essa, si batte il fronte della vecchia elite che tende a preservare i privilegi della casta militare e burocratica che hanno fatto della Turchia una democrazia sui generis e che rischiano oggi di trasformarla in un regime chiuso come la Corea del Nord.  
 
The Times
Turks Court Disaster

La Corte Costituzionale turca – che è chiamata ad esprimersi sulla legittimità del Partito di Governo – ha nelle sue mani le sorti della democrazia. Se la sentenza sarà la messa al bando, le conseguenze sarebbero disastrose. Non solo si comprometterebbe l'ingresso della Turchia in Europa, ma si rischierebbe di gettare quello che è oggi un attore cruciale della stabilizzazione mediorientale, nel caos di uno scontro tra apparati militari e forze integraliste islamiche, che potrebbe avere ricadute tragiche in tutto il mondo islamico.
 
The Daily Star
The year for a settlement in Cyprus?
Hugh Pope

Mai come oggi Cipro è prossimo ad un accordo, grazie alla disponibilità delle leadership delle due parti antagoniste – Mehmet Ali Talat per i turchi-ciprioti e Demetris Christofias per i Greco-ciprioti - a venirsi incontro per una soluzione che offrirebbe, oltretutto, opportunità di sviluppo economico di cui entrambe le popolazioni hanno estrema esigenza. Dopo aver premiato Cipro con l'ingresso nell'Unione, la Ue ha oggi la responsabilità di sostenerne gli sforzi per un accordo di pace. In fondo, sarebbe un'occasione per dimostrare le potenzialità diplomatiche dell'Unione, oggi che, dopo il “no” irlandese, l'Europa si interroga su cosa ci stia ancora a fare.
 

Data:





medvedev   russia   berlusconi   ue   cultura politica   ambiente   ahmadinejad   energia   cina   iran   mccain   nato   putin   storia   terrorismo   sicurezza   onu   sarkozy   gran bretagna   occidente   diritti umani   stati uniti   crisi   afghanistan   bush   clinton   iraq   siria   economia   brown   nucleare   america   labour   democrazia   europa   geopolitica   politiche sociali   blair   india   francia   rubriche   hamas   italia   usa   obama   medio oriente   critica sociale   israele