Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Le Monde
Président Sarkozy, faites voter !
Tommaso Padoa-Schioppa

L'Europa è soprattutto una questione di “metodo”. Ed è nel disaccordo che l'Unione dimostra meglio la propria vitalità. La Presidenza francese sarà dunque valutata sulla capacità valorizzare il disaccordo, non perseguendo l'unanimità a tutti i costi ma, al contrario, facendo prevalere l'interesse comune su quelli di parte. Lo strumento che la Francia ha sempre usato per far prevalere la sua posizione è stato il “veto”. Ebbene, la mia raccomandazione alla futura presidenza francese è di non accettare che un veto possa bloccare l'azione o ritardare una decisione.
 
The Times
The Ireland “no” vote: a big earthquake
Anatole Kaletsky

Il “no” irlandese, che piaccia o no alle elites di Bruxelles, ha già cambiato il futuro dell'Unione. Innanzitutto, ha dimostrato che, volendo, i cittadini europei hanno ancora il potere di far “pesare” la loro volontà e che il presunto “deficit democratico” dell'Europa non sia altro che il prodotto di quelle medesime elite che oggi pretendono di ignorare la volontà dei cittadini – oggi gli irlandesi, ieri i francesi e gli olandesi – insistendo sulla strada che loro hanno deciso di tracciare, pretendendo essere quella meglio in grado di valorizzare la democrazia europea. Peccato che, per raggiungere questo obbiettivo, sia necessario congelare la volontà democratica dei cittadini europei.
 
Le Figaro
Sommet UE-Russie dans l'eldorado sibérien

Khanty Mansiisk, la capitale della regione dell'Ougra, è la sede in cui si svolge mercoledì il vertice Russia-Europa. La Dubai russa, che produce da sola l'8% del petrolio mondiale, è il luogo-simbolo della grandeur russa. Un messaggio all'Europa, in questo primo vertice dell'era Medvedev.
 
Christian Sciente Monitor
Post-Soviet 'frozen conflicts' heat up as big-power interests collide
Fred Weir


Monta la tensione tra Georgia e Abkhazia, dove la valenza internazionale che, grazie alla Russia, ha assunto a lotta per l'indipendenza della piccola regione subtropicale, ha rinvigorito le speranze dei ribelli che si sentono adesso pronti a dimostrare al mondo che non solo esistono ma che sono in grado di lottare per la loro “libertà”. Naturalmente, con l'aiuto di Mosca.
 
The Guardian
Poland's haunting past
Jonathan Steele

Nuovi documenti proverebbero il coinvolgimento di Lech Walesa come collaborazionista della polizia segreta polacca. L'affair non è nuovo. L'ex leader di Solidarnosc ha sempre proclamato la propria innocenza accusando chi oggi lo accusa di aver in realtà l'obbiettivo di colpire l'autorità della Chiesa. Il ragionamento di Walesa non è infondato. Tuttavia, i dubbi rimangono visto che si è già stato dimostrato il legame tra alti prelati e regime.
 

Data:





energia   israele   francia   cultura politica   onu   ahmadinejad   sarkozy   ue   clinton   berlusconi   usa   politiche sociali   hamas   sicurezza   storia   occidente   democrazia   labour   economia   obama   terrorismo   india   bush   nato   brown   nucleare   iran   medio oriente   crisi   putin   russia   medvedev   rubriche   diritti umani   geopolitica   blair   afghanistan   stati uniti   critica sociale   gran bretagna   cina   ambiente   italia   siria   europa   mccain   iraq   america