Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



International Herald Tribune
Leadership void seen in Pakistan
Carlotta Gall


Secondo fonti diplomatiche occidentali, ma anche da ciò che emerge da ambienti militari pakistani, il governo del Paese vive una situazione di stallo e di paralisi. Si avverte una mancanza di leadership e non vi è comunità d'intenti  nei ranghi del governo civile che ha preso il potere dopo le elezioni dello scorso inverno. Sebbene venga ribadito l'impegno a contrastare l'insorgenza fondamentalista, che minaccia la stabilità politica del Paese da diversi anni, proprio la scarsa concordia tra le varie fazioni che si spartiscono il potere ad Islamabad sta favorendo le attività dei taliban e della nebulosa legata ad al-Qaeda. Questi gruppi avrebbero trovato basi sicure nei territori tribali pakistani e da lì starebbero preparando nuove insidiose strategie destabilizzanti. Nel frattempo, la decisione giudiziaria di impedire all'influente leader nazionale Nawaz Sharif di competere per un seggio parlamentare in un'imminente elezione suppletiva rischia di esasperare ulteriormente gli animi in seno alla maggioranza di governo.
Pakistan court bars Sharif from election

 
The New York Times
Officials Fear Bomb Design Went to Others
David Sanger e  William Broad


Abdul Qadeer Khan continua a far parlare di sé ed il suo nome rimane associato a scenari inquietanti per chiunque abbia a cuore la sicurezza internazionale. Quattro anni fa, Khan, il padre dell'atomica pakistana, era stato posto sotto arresto, perché accusato di aver orchestrato un rischiosissimo traffico internazionale di tecnologia nucleare. Ispettori ed esperti, che da due anni conducono ulteriori investigazioni sul conto dello scienziato pakistano, hanno rintracciato in alcuni computer di Khan la riproduzione modellistica di una piccola, ma non per questo innocua, arma nucleare. Si ritiene che il modello possa esser facilmente riproducibile e si teme che Khan possa averlo già smerciato, con il rischio che entità statali o gruppi terroristici abbiano ora accesso a nuovi sofisticati ordigni. Recentemente Khan aveva ritrattato la sua confessione del 2004, sostenendo di aver soltanto fornito qualche consiglio su come addivenire alla tecnologia nucleare all'Iran ed alla Libia e non, come invece aveva ammesso in precedenza, di aver gestito una rete illegale che avrebbe fornito, nell'arco di 15 anni, materiale e tecnologia nucleare a Corea del Nord, Iran e Libia.

Daily Times
AQ Khan recants nuclear admission
 

Data:





cina   iran   storia   sicurezza   medio oriente   cultura politica   labour   india   terrorismo   stati uniti   brown   francia   nato   medvedev   putin   america   democrazia   bush   critica sociale   usa   economia   nucleare   obama   occidente   israele   berlusconi   geopolitica   rubriche   iraq   italia   energia   ue   sarkozy   siria   afghanistan   hamas   onu   gran bretagna   clinton   politiche sociali   blair   ambiente   crisi   mccain   russia   europa   diritti umani   ahmadinejad