Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Middle East Times
Analysis: Middle East nuclear renaissance?
Claude Salhani

In Medio Oriente è in corso un preoccupante processo di proliferazione nucleare, nato in risposta alla minaccia iraniana. Lo denuncia uno studio dell'International Institute for Strategic Studies, nel quale si osserva come la prossimità di un Iran nucleare abbia incoraggiato molti paesi arabi ad acquisire a loro volta dotazioni nucleari, in un'escalation che echeggia il principio di deterrenza adottato durante la guerra fredda. È evidente che la rincorsa al nucleare – in un'area così ricca di petrolio e gas naturale – non sia dettata da ragioni energetiche. Si osserva tuttavia come, ad eccezione di Israele e – forse – della Siria, non vi sia in corso la costruzione di alcun reattore.
 
Haaretz
Israel keeps tabs on French nuclear deals with Arab world

Israele segue con attenzione le partnership nucleari che la Francia sta stipulando nel mondo arabo. Israele non ha intenzione di opporvisi, dal momento che è certamente preferibile che sia la Francia, piuttosto che la Cina o la Russia, a fornire tecnologia nucleare a paesi tendenzialmente ostili. Tuttavia, la proliferazione di dotazioni atomiche nel mondo arabo non è certo un fenomeno rassicurante, soprattutto data la capillarità e rapidità con cui - dal Nord Africa al Golfo Persico – lo shopping di armi nucleari si sta affermando come pratica abituale. Dal punto di vista francese, l'obbiettivo è la leadership economica – e l'influenza politica - nell'area del Mediterraneo, come conferma la recente visita in Algeria del Primo Ministro francese, François Fillon. Parigi deve tuttavia fronteggiare la competizione di paesi come Usa, Cina e Russia, anch'essi presenti in un mercato – come quello nucleare – che ha visto una grande esplosione nell'area mediorientale, con l'incombere della minaccia iraniana. Dato l'interesse di tutto il mondo arabo – Giordania, Egitto, Siria, Arabia Saudita, Marocco, Algeria, Libia - per il nucleare, non è escluso possa realizzarsi l'integrazione tra i paesi della Lega Araba, come sostenuto anche dal Presidente siriano.

 

Data:





mccain   energia   italia   ahmadinejad   critica sociale   europa   afghanistan   cultura politica   america   clinton   obama   crisi   berlusconi   diritti umani   bush   ue   sarkozy   francia   nucleare   cina   sicurezza   putin   occidente   labour   india   democrazia   economia   brown   israele   siria   storia   ambiente   onu   iraq   politiche sociali   stati uniti   hamas   medvedev   nato   iran   terrorismo   blair   rubriche   geopolitica   gran bretagna   medio oriente   usa   russia