Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Le Journal du Dimanche
Delors: "Il y a du travail pour la présidence française"

Per l'ex Presidente della Commissione europea, la priorità dell'Unione europea è, come ai tempi delle prime Comunità dell'acciaio e del carbone, una comunità europea dell'energia. È così – sostiene – che si potrebbe avere una politica interna comune per l'energia, un mercato concorrenziale ed un atteggiamento comune ai ventisette rispetto ai produttori. “Quando guardo questo carosello attorno a Putin e Medvedev – dichiara Delors – mi sento scandalizzato.” Come per l'Euro, potranno aderirvi i paesi che ne saranno interessati, riservando agli altri la possibilità di entrarvi in una fase successiva. Ma l'Europa non ha alternative: o la sopravvivenza nell'unione o il declino. 
 
Le Monde
Double impuissance

Lo spettacolo che i capi di stato e di governo riuniti a Bruxelles lo scorso 19 e 20 giugno è stato una benedizione per gli euroscettici, un duro colpo per i sostenitori dell'integrazione. È stata la prova di una doppia impotenza: l'impossibilità di risolvere la crisi istituzionale provocata dal “no” irlandese, e l'incapacità di trovare una soluzione alla crisi del caro-petrolio.
A Alger, François Fillon vante l'Union pour la Méditerrannée
 
The Times
Meddling Mandy is the real reason why the Irish voted no
Rod Liddle


Bisogna riconoscere che l'argomento usato da Sarkozy contro Mandelson - “Ogni 30 secondi un bambino muore di fame, e il Commissario pretende di ridurre del 21% la produzione agricola europea” - non è immune da un certo opportunismo, dal momento che è proprio la Francia il principale beneficiario della Pac. E tuttavia, le osservazioni di Sarkozy non sono poi così infondate se si pensa al caso della politica commerciale nei confronti della Birmania. È stato necessario l'intervento degli Stati Uniti per convincere Mandelson a interrompere la politica di investimenti che, fino a quel momento, aveva fatto seguire all'Unione europea. Insomma, si deve prendere atto che la carriere politica di Peter Mandelson è lastricata di errori politici talmente clamorosi da risultare talvolta quasi criminali.
J'accuse: Peter Mandelson rounds on Nicolas Sarkozy
 
 

Data:





cultura politica   diritti umani   berlusconi   rubriche   brown   critica sociale   india   obama   sicurezza   blair   energia   stati uniti   italia   nato   storia   siria   afghanistan   occidente   russia   mccain   labour   medvedev   nucleare   iran   ahmadinejad   francia   democrazia   ue   putin   hamas   onu   europa   israele   usa   gran bretagna   ambiente   crisi   iraq   geopolitica   clinton   bush   terrorismo   economia   politiche sociali   medio oriente   sarkozy   america   cina