Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Haaretz
Cease-fire deal means Hamas is in charge
Zvi Bar'el

L'accordo per una tregua transitoria raggiunto da Israele e Hamas attraverso mediazione egiziana segna una significativa vittoria politica dell'organizzazione islamica che riceve un doppio riconoscimento: da parte di Israele che dopo aver rifiutato per anni di riconoscere Hamas come interlocutore oggi è costretto a far Marcia indietro, dopo il fallimento sostanziale della strategia di legittimazione della leadership dell'Autorità Palestinese. Hamas ottiene quello che voleva: una tregua non condizionata al rilascio del soldato israeliano, Gilad Shalit. Qualora la tregua venisse rispettata, Hamas otterrebbe inoltre piena legittimità - oggi riconosciuta solo al Presidente della AP, Mahmoud Abbas - a negoziare la pace anche nel West Bank.
 
Le Monde
Le tracé de l'Etat palestinien vu par Israël, selon un négociateur

Mohammed Shtayyeh, membro della delegazione palestinese incaricata di negoziare la pace con Israele spiega le divergenze con gli israeliani sui confini che dovrebbero segnare I due Stati. Il problema, spiega, è che noi vogliamo affermare il Diritto Internazionale, ristabilendo le frontiere del 1967. Il Ministro degli Esteri israeliano, Tzipi Livni, invece, vuole legalizzare lo stato "de facto".  Si tratta - spiega il dirigente palestinese - di due approcci completamente inconciliabili.
 
The Daily Star
Hamas feels it benefits more from a truce than Israel
Shaul Arieli

Hamas ha concordato una tregua transitoria, accettando un periodo di prova in attesa che Israele riapra i valichi di Gaza. Ma dal punto di vista strategico, si tratta di tutt'altro che di una generosa concessione. Hamas è consapevole che la AP è ormai fuori gioco, che - visto il fallimento del negoziato con Abbas, Israele non ha alternative al dialogo diretto con Hamas e che il contesto internazionale - dal rafforzamento del ruolo dell'Iran al cambio al vertice dell'amministrazione Usa - gioca in suo favore.
 
Time
Israel and Hamas: A Fragile Truce

La tregua rappresenta un'indubbia vittoria di Hamas. Ma se gli impegni dovessero essere rispettati, si potrebbe passare al secondo stadio dell'accordo, con la riapertura dei valichi di Gaza e la liberazione del soldato israeliano in cambio del rilascio dei militanti dell'organizzazione islamica detenuti nelle prigioni di Israele. Insomma, sebbene non vi siano state fanfare e strette di mano, la tregua tra Israele ed Hamas potrebbe segnare la strada della convivenza pacifica tra israeliani e palestinesi. 
 

Data:





america   nato   blair   stati uniti   ambiente   diritti umani   europa   onu   italia   afghanistan   russia   hamas   critica sociale   berlusconi   iraq   economia   medvedev   cultura politica   iran   energia   storia   politiche sociali   cina   clinton   medio oriente   gran bretagna   obama   terrorismo   crisi   nucleare   sarkozy   brown   israele   ue   bush   francia   india   putin   rubriche   usa   democrazia   sicurezza   ahmadinejad   geopolitica   occidente   siria   labour   mccain