Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA-30 aprile

di Critica Sociale


EL PAIS
Rusia gana a la UE la carrera del gas
Andrea Rizzi

Il progettato gasdotto, South Stream, un'iniziativa lanciata congiuntamente lo scorso anno da Gazprom ed Eni, guadagna velocemente terreno rispetto al suo concorrente Nabucco, il gasdotto fortemente voluto dall'Unione Europea per ridurre la propria dipendenza energetica dalla Russia. Entrambi i progetti mirano a rifornire l'Europa attraverso il corridoio sud-orientale del Vecchio Continente. Se South Stream veicolerà gas russo, Nabucco intende rifornirsi dai Paesi del Mar Caspio, quali Azebaijan e Turkmenistan. Diversi fattori sembrano favorire il successo dell'iniziativa russo-italiana, quali gli accordi di transito conclusi da Putin con Bulgaria e Grecia e l'affermazione di Silvio Berlusconi, amico ed alleato del presidente russo, nelle elezioni politiche italiane.

THE GUARDIAN
Russia accuses Georgia of plans to invade breakaway region
Luke Harding


Alta tensione tra Russia e Georgia. E non è certo la prima volta. Il governo russo accusa Tbilisi di essere intenzionata ad invadere il territorio dell'Abkhazia e di aver ammassato allo scopo truppe al confine. Il ministero degli Esteri russo si è già dichiarato pronto a  rafforzare il contingente russo di stanza nell'area per prevenire scontri. L'Abkhazia si separò dalla Georgia dopo la guerra civile del 1992-93. Da allora Tbilisi vorrebbe riannettere il territorio, ma è contrastata dal Cremlino che riconosce l'autonomia della regione e mira ad estendere la sua influenza sulla stessa, oltre che sull'Ossezia del Sud. La Georgia sostiene da tempo che Mosca stia gradualmente realizzando l'annessione de facto delle due repubbliche. Recentemente, il presidente russo, Vladimir Putin, ha riconosciuto le due repubbliche come entità legali, accrescendo il disappunto dei georgiani.

LE MONDE
La France regarde vers l'Est et plaide pour l'Ukraine en Europe

I responsabili francesi hanno recentemente trasmesso agli stati membri della Ue ed ai dirigenti ucraini un documento, “non ufficiale”, con delle proposte per il rafforzamento della partnership tra Ucraina e Ue. L'intenzione della Francia è di far compiere un passo in avanti alla politica di vicinato condotta a Bruxelles. Mosca ha già espresso la propria ostilità. Ed è probabilmente questa la ragione per cui l'Eliseo ha preferito evitare di annunciare pubblicamente l'iniziativa.

LES ECHOS
Poutine et Medvedev : frères Napoléon
Stephan Richter


Non c'è traccia dei “Fratelli Napoleone” nella letteratura russa. E questo ci dice molto su cosa doverci attendere nell'immediato dal tandem Putin-Medvedev. Per molti analisti occidentali, Medvedev non è che una marionetta di Putin. Ma non bisogna dimenticare le cose che i due hanno in comune: sono entrambi avvocati e patrioti convinti. Come Napoleone, sono pronti a mobilitare le risorse del paese perché ritorni ad occupare uno spazio privilegiato nel concerto delle nazioni. Come Napoleone, Putin è noto per i suoi eccessi e il clima di grande insicurezza che ha contribuito a creare, maltrattando la stampa ed il sistema politico del suo Paese. Ma invece di puntare il dito sul carattere bellicoso dell'inquilino del Cremino, come ama fare l'Occidente, sarebbe forse meglio accordare una maggiore attenzione alle proposte fatte da Medvedev durante la campagna elettorale presidenziale.

LE FIGARO
Le KO de la gauche italienne

La sinistra italiana è KO. Dopo la caduta del governo Prodi, seguita dal trionfo elettorale di Silvio Berlusconi, anche Roma passa alla destra. È la sconfitta di Walter Veltroni e del progetto del suo Partito Democratico.

FINANCIAL TIMES
A Roman triumph...


  pagina successiva >>