Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA-24 aprile

di Critica Sociale


THE WALL STREET JOURNAL
U.S. to Link North Korea to Syria
Jay Solomon

L'amministrazione Bush è pronta a riferire al Congresso che la Corea del Nord stava aiutando la Siria a costruire un reattore nucleare in grado di produrre plutonio prima che, a settembre, un raid israeliano distruggesse la struttura. La rivelazione potrebbe ridare fiato a quanti, nel Congresso e nel governo Usa, si oppongono a negoziare con Pyongyang una accordo che, in cambio dello smantellamento dell'arsenale nucleare nord-coreano, preveda aiuti economici ed incentivi diplomatici alla Corea del Nord. Nei mesi scorsi né gli Stati Uniti né Israele avevano ufficialmente confermato che l'attacco di settembre al sito siriano avesse colpito un nascente reattore nucleare, fatto che induce a credere che Washington e Gerusalemme volessero evitare che la notizia incidesse negativamente sui colloqui intrecciati con Pyongyang.

LOS ANGELES TIME
American accused of spying for Israel in 1980s
Richard B. Schmitt e Richard Boudreaux

Le autorità federali Usa hanno arrestato un anziano ex ingegnere dell'esercito, con l'accusa di aver passato segreti militari americani ad Israele negli anni ottanta. L'uomo, Ben-ami Kadish, ha confessato all'Fbi di aver consegnato ad agenti israeliano un centinaio di documenti strettamente riservati, contenenti informazioni relative ad armamenti nucleari, aerei da guerra e missili. Inoltre, Kadish avrebbe usato lo stesso contatto israeliano che ricevette informazioni da Jonathan Jay Pollard, una delle più celebri spie della storia americana, che sta scontando una sentenza a vita per aver consegnato ad Israele importanti segreti militari Usa. La sua condanna nel 1986 fu al centro di un vero e proprio caso diplomatico tra Stati Uniti ed Israele.

INTERNATIONAL HERALD TRIBUNE
Russia embraces its church, distancing western faiths
Clifford J. Levy

La Chiesa Ortodossa Russa, che aveva subito gravi persecuzioni durante il comunismo, è cresciuta enormemente dopo il crollo dell'Urss e la sua influenza aumenta giorno dopo giorno. Favorita dal Cremlino. Il potere di Mosca ha infatti deciso di trasformare l'Ortodossia nella religione ufficiale di Stato a detrimento delle altre confessioni. Nel dettaglio, le altre chiese cristiane stanno subendo un rapido processo di emarginazione, per mezzo di una serie di misure e provvedimenti governativi che suonano come intimidatori e discriminanti.

LE FIGARO
Sarkozy et la grande traversée

Se si segue un'opinione in voga, si direbbe che giovedì sera si metteranno davanti alla Tv due categorie di francesi: quelli che non hanno mai amato Nicolas Sarkozy e quelli che l'hanno amato e che non lo amano più. I primi trionfano sull'onda del “l'avevo detto io”, i secondi si deprimono, pensando “non si riprenderà più”. Gli uni e gli altri, insieme comporranno una Francia esitante, tra la rabbia e l'abbattimento. La tesi ha il merito della semplicità, ma anche gli inconvenienti.

LES ECHOS
« Le président aurait tout à gagner à prendre un peu de recul »

Henri Lachmann,
Presidente del Consiglio di Sorveglianza  della Schneider Electric, sostiene, in un'intervista pubblicata oggi sul quotidiano economico francese, che sia ancora prematuro fare un bilancio della Presidenza Sarkozy. “Osservo un enorme aspetto positivo: Nicolas Sarkozy è riuscito a mettere la Francia in movimento, con una nuova energia ed una nuova dinamica. Il cambio generazionale, la diversità e l'apertura, sono gli aspetti più importanti.”

LE PARISIEN
Sarkozy espère trouver un nouveau souffle ce soir à la télé

Non solo la popolarità del presidente resta al livello più basso, ma i francesi lo mettono ultimo nella classifica dei presidenti della V Repubblica, secondo un sondaggio che indica Bayrou come un buon candidato a Matignon.
...



  pagina successiva >>