Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA-21 aprile

di Critica Sociale


THE NEW YORK TIMES
Pope Ends Visit With Yankee Stadium Mass
Paul Vitello

Papa Benedetto XVI ha concluso la sua visita negli Stati Uniti celebrando una messa nello Yankee Stadium davanti a 60.000 persone. Joseph Ratzinger ha ricordato ai presenti che, benché l'America sia la patria delle libertà individuali, l'obbedienza all'autorità della Chiesa di Roma rimane uno dei cardini su cui fondare la vera fede. Durante la sua permanenza negli Usa, protrattasi per 6 giorni ed accolta positivamente dai fedeli, il pontefice si è espresso su questioni religiose ed etiche, ma ha anche toccato problematiche concernenti l'attualità delle relazioni internazionali. Prima della messa conclusiva, Benedetto XVI si era raccolto in preghiera davanti a Ground Zero.

THE NEW YORK TIMES
A Few Good Men and Women
Alejandro Bermudez

Alejandro Bermudez è uno dei curatori del blog che il New York Times ha dedicato al viaggio americano del Papa. Nel tentativo di tracciare un bilancio della visita, Bermudez sottolinea quanto sia inappropriato l'atteggiamento di coloro che si sarebbero aspettati tentativi di proselitismo da parte di Benedetto XVI od un suo atteggiamento condiscendente verso i problematici cattolici d'oltreoceano. Il pontefice non ha infatti ritenuto di presentare loro una versione accattivante del cattolicesimo, che si adattasse alle loro specifiche esigenze. Ratzinger è un minimalista e da tale s'è comportato, offrendo ai 65 milioni di cattolici Usa la plastica “bellezza della verità” racchiusa nel messaggio cristiano. Disciplina, autorità e rigore etico-morale.  Questa l'offerta. Ai cattolici americani la scelta se aderire o meno allo scarno e diretto messaggio papale. Scorciatoie ed accomodamenti non sono previsti.

THE CHRISTIAN SCIENCE MONITOR
In Pennsylvania, white male vote is key
Linda Feldmann

Cinque punti dividono Barack Obama da Hillary Clinton in Pennsylvania. Il senatore dell'Illinois sa di giocarsi una sorta di match point, poiché vincere lo Stato significherebbe affossare la rivale. Ma la sua rimonta non pare abbastanza significativa. I toni della campagna intanto si alzano e i gli staff dei due candidati lavorano su i gruppi di elettori più incerti, che col loro voto potrebbero decidere la contesa. In particolare, in Pennsylvania il target group è costituito dai maschi bianchi, il cui livello di gradimento si divide equamente tra Hillary ed Obama. Saranno loro a decidere il vincitore. Tuttavia, per ora, nessuno dei due contendenti ha saputo accreditarsi in modo convincente rispetto a questa fascia dell'elettorato. Un'incognita sul voto di domani.

THE WALL STREET JOURNAL
The Keystone Primary Stakes
Michael Barone

Anche John McCain partecipa alle primarie Democratiche della Pennsylavnia. Non si vede, ma c'è. Il suo nome aleggia nei sondaggi, che riferiscono che nello Stato in questione la Clinton avrebbe maggiori possibilità di sconfiggere il senatore dell'Arizona rispetto ad Obama. Inoltre, le recenti infelici dichiarazioni del junior senator, che ha indirettamente definito conservatori e bigotti determinati settori dell'elettorato Usa (settori particolarmente rilevanti in Pennsylvania), hanno ridotto le sue chances di beffare Hillary nello scrutinio di domani. Una vittoria nel sesto Stato più popoloso d'America permetterebbe alla senatrice di New York di corroborare la tesi che la gente, se non i delegati, starebbe con lei. Soprattutto la working class bianca, lo zoccolo duro del Partito Democratico dagli anni trenta ad oggi. Ma attenzione, nelle dinamiche interne ai Democrats, la rilevanza della white working class sta declinando.

LE MONDE
A six mois de son congrès, le Parti socialiste a établi une nouvelle base idéologique
Jean-Michel Normand

Dopo un decennio di sconfitte negli appuntamenti elettorali più importanti, il Partito Socialista Francese sembra intenzionato finalmente a scuotersi dal torpore in cui è da tempo caduto. A sei mesi dal suo prossimo congresso di novembre, il Psf  dichiara pubblicamente di voler cambiare. Un gruppo di lavoro, guidato da Alain Bergounioux, ha elaborato una dichiarazione di principi che mira ad illustrare la rinascita riformista del socialismo francese. Nel testo scompare qualsiasi riferimento alla lotta di classe ed alla rivoluzione, in n...


  pagina successiva >>