Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA-17 aprile

di Critica Sociale


THE WASHINGTON POST
Pontiff Begins Historic U.S. Visit in the District
Michael Abramowitz

Accolto cordialmente da George W. Bush e da migliaia di entusiasti cittadini, Benedetto XVI è giunto a Washington. Erano quasi trent'anni che un pontefice non visitava la capitale Usa. Parlando alla Casa Bianca, Papa Ratzinger ha esortato gli americani a mettere a frutto le loro libertà per coltivare la virtù, sacrificarsi per il bene comune ed aiutare i meno fortunati. “La libertà non è semplicemente un dono, essa chiama in causa la nostra responsabilità personale”, ha ricordato Papa Ratzinger durante il discorso tenuto presso la residenza presidenziale.

THE NEW YORK TIMES
Catholics Should Be…Catholics
Alejandro Bermudez

Le prime parole pronunciate da Benedetto XVI dal momento del suo arrivo sul suolo americano sono andate immediatamente al cuore della questione cattolica negli States. Certo, il Papa ha spaziato tra vari argomenti, compreso lo scandalo degli abusi sessuali che ha coinvolto pesantemente la Chiesa americana. Al fondo del messaggio papale, tuttavia, l'invito ai cattolici Usa, non solo a i prelati, a recuperare le ragioni profonde della loro adesione al messaggio cristiano. Un incitamento a riscoprire la particolarità della propria fede nella vita di tutti giorni, anche in un contesto multiculturale come quello statunitense. Ecco, il pontefice ha già lanciato la sua sfida culturale ai cattolici d'America. Quanti sapranno raccoglierla?

EL PAIS
Los cinco personajes claves del Gobierno Berlusconi III

Ecco le personalità chiave del nascituro governo Berlusconi, pronto per il terzo mandato alla guida dell'Italia. Discreto, influente e rispettato, Gianni Letta è da anni il braccio destro del cavaliere. Una sua nomina alla vice-presidenza rafforzerà le prospettive di dialogo sulle riforme con l'opposizione. Tecnico dal profilo moderato, Franco Frattini agli Esteri consentirà a Berlusconi di mantenere stretti rapporti con Washington senza rinunciare all'Europa. Giulio Tremoni, il prossimo ministro dell'Economia, è invece una figura più controversa. Sospettoso verso la globalizzazione, strenuo avversario del made in China, avrà la responsabilità di rilanciare la crescita italiana. Brillante avvocato di Giulio Andreotti durante il suo celebre processo, Giulia Buongiorno diventerà a poco più di quarant'anni la prima donna a capo del dicastero della Giustizia. Roberto Maroni, numero due e figura rassicurante della Lega Nord, andrà invece al ministero dell'Interno.

LE MONDE
Le retour du Cavaliere

Si sarebbe potuto pensare che gli italiani fossero stati delusi dai due precedenti governi Berlusconi. L'Itala non ne era risultata né più grande né più ricca. Si deve invece ritenere che il potere di seduzione del vecchio miliardario funzioni ancora. Silvio Berlusconi ha vinto a mani basse le elezioni legislative del 13 e 14 aprile. Il suo nuovo partito, il Popolo della Libertà, avrà una forte maggioranza alla Camera dei deputati ed un agevole vantaggio al Senato, con l'aiuto, è vero, della Lega Nord. Il movimento estremista di Umberto Bossi ha raddoppiato i suoi voti.

L'EXPRESS
Sartori: "Silvio Berlusconi veut un pouvoir absolu”

In un'intervista al settimanale francese, il politologo italiano spiega che la vittoria di Berlusconi è stata ancora più eclatante di quanto prevedessero i sondaggi. Sono felice – ha dichiarato Sartori – della bipolarizzazione che queste elezioni hanno introdotto nel sistema politico, ma non lo sono del ritorno di Berlusconi che avremo almeno per altri dodici anni! Cinque anni al governo, se tutto va bene, e dopo sette anni alla Presidenza della Repubblica, perché è quello il suo vero obbiettivo.

L'EXPRESS
Silvio, le retour !

Il commento video di
Christop...


  pagina successiva >>