Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


Fuochi sul canale

di Daniele De Luca
Editore: Mb publishing
Prezzo: 30,00 €

Il volume tratta uno degli argomenti piů controversi e significativi del moderno Medio Oriente: la crisi di Suez del 1956. L'autore- attra­verso l'esame dei documenti contenuti negli archivi americani, bri­tannici ed israeliani - ricostruisce le varie fasi della crisi diplomatica e militare che ad un certo punto sembrň coinvolgere direttamente l'Unione Sovietica in uno scontro con l'Occidente. Una particolare attenzione viene posta sul ruolo giocato dall'amministrazione ameri­cana guidata dal Presidente Dwight D.. Eisenhower, e dal suo Segre­tario di Stato John Poster Dulles, che con una politica ambigua gesti­rono la crisi in maniera da frustrare tutti i tentativi dei loro alleati di difendere la posizione occidentale in una regione fondamentale da un punto di vista strategico ed energetico.

A conclusione della crisi gli Stati Uniti emersero come l'unica potenza abilitata a rappresentare gli interessi occidentali nell'area, ma questa vittoria diplomatica sarŕ compensata  dal radicamento sovietico nell'area, da una forte corsa agli armamenti e dalla  trasformazione del medio oriente in un nuovo teatro di scontro della guerra fredda. Danile De Luca č professore a contratto di Storia delle relazioni internazionali presso la facoltŕ di lingue e Letterature Straniere dell'Universitŕ degli studi di Lecce. Da alcuni anni si occupa della politica Americana in medio Oriente negli anni '50 con particolare riguardo alle relazioni con Egitto ed Istraele. A questo proposito ha pubblicato vari saggi su riviste specializzate ("Clio" storie delle relazioni internazionali", "Nuova Storia Contemporanea" e in volumi collatanei. Nel 1996 č stato borsista del ministro degli esteri di Istraele presso la Hebrew University di Gerusalemme. per L'anno 1998/1999 ha vinto una borsa di studio del Consiglio Nazionale delle Ricerche per il settore delle Scienze Giuridiche e Politiche.     -