Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Editoriale
 
 


SEMPRE PIU' FORTI I VENTI DI RECESSIONE

Un recentissimo rapporto Usa sull'occupazione inquieta il mondo politico e finanziario. La recessione Ŕ ormai alle porte

Data: 0000-00-00

Se consideriamo la Storia come una guida affidabile, la recessione ci appare ora inevitabile. Il rapporto sul lavoro rilasciato dal governo Usa venerdý scorso evidenzia un calo dell'occupazione negli ultimi tre mesi. A partire dagli anni Settanta, ad ogni calo dell'occupazione di questo genere ha fatto seguito un periodo recessivo. Questa l'impietosa e scioccante analisi del New York Times.

Per mesi, il mondo politico e gli economisti di Wall Street hanno sperato che i tagli aggressivi ai tassi di interesse operati dalla Fed permettessero all'economia di continuare a crescere nonostante il crollo del mercato della casa. Il rapporto sul lavoro di Venerdý sembra tuttavia aver spazzato via tutte le pi¨ ottimistiche previsioni. Emblematica la reazione degli analisti della holding finanziaria JP Morgan Chase, che sino alla scorsa settimana rassicuravano i propri clienti sulla soliditÓ dell'economia Usa e che ora prefigurano scenari sconfortanti. Ethan Harris della Lehman Brothers Ŕ ancora pi¨ categorico "se i dati (deducibili dal rapporto sul lavoro) sono questi, vi Ŕ un'altissima probabilitÓ che la recessione sia iniziata".

I dati sull'occupazione Usa appaiono in effetti preoccupanti. Nel corso dell'ultimo anno il numero di coloro che risultano disoccupati Ŕ cresciuto di 500.000 unitÓ, mentre la cifra relativa ai "non occupati", áchi non lavora nÚ cerca lavoro, Ŕ aumentata di 1.3 milioni. Numeri allarmanti che presumibilmente indurranno governo e Fed ad intensificare l'azione di contrasto alla crisi immanente.

La gran parte delle misure governative di stimolo all'economia cominceranno ad avere effetto nei prossimi mesi; su di esse si concentrano le speranze di quanti ancora ritengono che il Paese possa evitare la recessione. La politica ha reagito rapidamente a questa ennesima avvisaglia della crisi, certo pi¨ prontamente rispetto ad altre circostanze. La Fed, da parte sua, ha tagliato ben cinque volte i tassi d'interesse dal mese di settembre ad oggi. Per apprezzare come e quanto operazioni di genere incidano effettivamente sull'intera economia occorrono usualmente almeno 6 mesi di tempo. Che lo scenario non sia dei pi¨ confortanti Ŕ possibile evincerlo dalle reazioni degli stessi funzionari della Casa Bianca, molti dei quali non riescono a celare una certa apprensione.

Il National Bureau of Economic Research, un gruppo di insigni economisti basato a Cambridge (Massachusetts), Ŕ la voce pi¨ autorevole ed ascoltata quando si tratta di dichiarare aperta una fase recessiva in America. Gli studiosi del prestigioso gruppo definiscono la recessione come un "declino significativo e protratto delle attivitÓ economiche che incide negativamente sul reddito, l'occupazione, il commercio al dettaglio e la produzione industriale". Per ora, da Cambridge tutto tace, ma non Ŕ il caso di rallegrarsi. Il comitato si muove per solito con grande cautela. Infatti, i suoi membri impiegarono ben un anno e mezzo per decretare la fine dell'ultima recessione, nel novembre 2001. Qualora ritenessero la recessione in corso, essi aspetterebbero presumibilmente la fine dell'anno per dichiararlo ufficialmente.






nucleare   afghanistan   terrorismo   israele   bush   obama   america   usa   francia   critica sociale   storia   cina   mccain   occidente   economia   berlusconi   geopolitica   sarkozy   sicurezza   siria   diritti umani   democrazia   labour   politiche sociali   stati uniti   putin   ue   brown   clinton   crisi   gran bretagna   ahmadinejad   europa   iraq   hamas   nato   medvedev   russia   onu   italia   iran   india   rubriche   cultura politica   blair   medio oriente   ambiente   energia